Esame avvocato 2018-2019: ecco i risultati.

Pubblicati i risultati dalle varie Corti d’Appello relativi all’esame d’avvocato 2018-2019.

di Redazione Compliance Legale

Ci siamo quasi: a poco a poco sarà completata la tanto attesa pubblicazione definitiva dei risultati dell’esame per diventare avvocato svoltisi nel dicembre del 2018.

Le Corti d’Appello di tutta Italia sono oramai prossime alla pubblicazione delle graduatorie definitive, si attendono solamente le ultime correzioni.

I risultati delle prove scritte, dunque, saranno disponibili tra il 20 di giugno ed i primissimi giorni di luglio.

E’ opportuno ricordare che solo chi ottiene un punteggio complessivo pari o superiore ad un totale di 90 avrà la possibilità di sostenere la prova orale (il calendario e la relativa lettera del cognome che aprirà la sessione orale, verranno sorteggiati e resi pubblici simultaneamente alla divulgazione da parte della Corte d’Appello degli esiti degli scritti).

Ancora qualche giorno di attesa, dunque, per gli aspiranti avvocati di tutta Italia.

A breve scopriranno se hanno ricevuto l’ok della Corte d’Appello che ha corretto i loro elaborati per accedere alla sessione d’esame orale,  gradino finale per il conseguimento dell’abilitazione per la professione forense.

Sarà nostra premura condividere qui di seguito con tutti voi i risultati non appena saranno resi pubblici.


Aggiornamenti pubblicazione risultati e percentuali (in tempo reale al 08/07/2019) – elenco ammessi:


Corte d’Appello di Milano: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Napoli: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Roma: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Caltanissetta: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Ancona: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Venezia: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Firenze: PUBBLICATI
(344 ammessi su 792 candidati – 43% dei candidati)

Corte d’Appello di Bologna: PUBBLICATI
(491 ammessi su 1294 candidati – 38% dei candidati)

Corte d’Appello di Catanzaro: PUBBLICATI
(331 ammessi su 926 candidati – 35% dei candidati)

Corte d’Appello di Reggio Calabria: PUBBLICATI
(156 ammessi su 442 candidati – 35% dei candidati)

Corte d’Appello di Salerno: PUBBLICATI
(465 candidati ammessi – 56% dei candidati)

Corte d’Appello di Bolzano: PUBBLICATI
(34 % dei candidati ammessi agli orali)

Corte d’Appello di Torino: PUBBLICATI
(401 ammessi su 752 candidati – 53% dei candidati)

Corte d’Appello di Potenza: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Trento: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Perugia: PUBBLICATI
(165 ammessi su 289 candidati – 57% dei candidati)

Corte d’Appello di Brescia: PUBBLICATI
(191 ammessi su 435 candidati – 44% dei candidati)

Corte d’Appello di Palermo: PUBBLICATI

Corte d’Appello di L’Aquila: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Lecce: PUBBLICATI
(302 candidati ammessi su 703 – 42,95% dei candidati)

Corte d’Appello di Caltanissetta: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Trieste: PUBBLICATI
(64 candidati ammessi su 215 – 30% dei candidati)

Corte d’Appello di Catania: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Genova: PUBBLICATI

Corte d’Appello di Bari: PUBBLICATI
(450 candidati ammessi su 914 – 50% dei candidati)


Punteggio minimo per accedere alla sessione orale: i criteri di valutazione dell’esame avvocato 2018-2019


Sono ammessi alla prova orale soltanto coloro che avranno raggiunto un punteggio minimo complessivo di 90 punti, con la sufficienza di 30 punti in almeno 2 prove (su 3).

È la Commissione Centrale per l’Esame di Stato a definire di anno in anno i criteri di valutazione delle prove scritte. Eccoli elencati di seguito:

1 – correttezza della forma grammaticale, sintattica ed ortografica e padronanza del lessico italiano e giuridico;

2 – chiarezza, pertinenza e completezza espositiva, capacità di sintesi, logicità e rigore metodologico delle argomentazioni giuridiche;

3 – dimostrazione di concreta capacità di risolvere problemi giuridici anche attraverso riferimenti alla dottrina e l’utilizzo della giurisprudenza;

4 – il richiamo a massime giurisprudenziali riportate nei codici annotati è consentito; tuttavia, i relativi riferimenti testuali vanno adeguatamente virgolettati o comunque deve essere indicata la fonte giurisprudenziale;

5 – dimostrazione della conoscenza dei fondamenti teorici degli istituti giuridici trattati pertinenti al quesito da risolvere;

6 – dimostrazione della capacità di cogliere eventuali profili di interdisciplinarietà;

7 – coerenza dell’elaborato con la traccia assegnata ed esauriente indagine dell’impianto normativo relativo agli istituti giuridici di riferimento;

8 – capacità di argomentare adeguatamente le conclusioni trattate, anche se difformi dal prevalente indirizzo giurisprudenziale e/o dottrinario;

9 – dimostrazione della padronanza delle scelte difensive e delle tecniche di persuasione e argomentazione per ciò che concerne, specificamente, l’atto giudiziario.

Circa la redazione dell’atto giudiziario (previsto come terza prova), viene valutata positivamente, inoltre, la presenza di tutti gli elementi essenziali previsti dall’ordinamento giudiziario ai fini della sua redazione. Anche in questo caso, specifica attenzione verterà sulla parte narrativa dell’atto e sulla capacità di sintesi (oltre la onnipresente chiarezza espositiva).


Abbinamento Corti d’Appello esame avvocato 2018-2019


Ecco riportati di seguito gli abbinamenti delle corti d’Appello validi ai fini della correzione degli elaborati e dei risultati dell’esame di avvocato 2018-2019
(Clicca qui per consultare il decreto d’abbinamento delle Corti d’Appello):

Luogo prove scritteLuogo correzione
TrentoPerugia
CampobassoTrieste
TriesteCampobasso
CaltanissettaPotenza
PotenzaTrento
PerugiaCaltanissetta
MessinaGenova
Ancona L’Aquila
CagliariMessina
Reggio CalabriaCagliari
L’AquilaReggio Calabria
BresciaAncona
GenovaBrescia
LecceFirenze
SalernoBari
TorinoCatanzaro
CataniaSalerno
FirenzeLecce
BariCatania
CatanzaroTorino
PalermoBologna
VeneziaPalermo
BolognaVenezia
Roma Milano
Milano Napoli
NapoliRoma

In bocca al lupo a tutti gli aspiranti Avvocati!


Hai un dubbio o un problema su questo argomento? Scrivi alla nostra redazione giuridica e ricevi la tua risposta ENTRO 7 GIORNI

Pagamento:

Consulenza Team “compliancelegale.it”